Il Centro Pompidou di Parigi e le sue opere principali

Se sei appassionato di arte moderna e contemporanea, Uno dei musei da non dimenticare se ti trovi a Parigi è il Centro Nazionale di Arte e Cultura Georges Pompidou. È uno dei luoghi più visitati in Francia. La sua collezione ospita alcune delle opere più famose di artisti come Picasso o Pollock. Vuoi scoprire i suoi segreti?

Fatti significativi sul Centro Pompidou

Interno del Centro Pompidou

Questo edificio si trova in Place George-Pompidou e È un esempio di innovazione architettonica. È stato progettato negli anni '70 da Renzo Piano e Richard Rogers, ma all'inizio la sua struttura non era priva di controversie.

Il Centro Pompidou ha un forte carattere industriale in cui sono visibili tutti i condotti di acqua, aria ed elettricità. Inoltre, sono tutti dipinti con colori sorprendenti.

La particolare fisionomia di questa costruzione è diventata un'icona dell'architetturaalta tecnologia e i parigini la conoscono come "la fabbrica del gas". La grande piazza pubblica in cui si trova è anche utilizzata come spazio per le attività del centro.

L'interno del Centro Pompidou, d'altra parte, è completamente chiaro e immaginato come un contenitore vuoto per conservare qualsiasi cosa. In questo modo si accentua il suo stile razionale, oltre a entrare nella luce naturale grazie ai vetri.

Inaugurato nel 1977, il centro ospita l'IRCAM (un centro di ricerca musicale), una biblioteca pubblica e il Museo Nazionale di Arte Moderna. Quest'ultimo ospita circa 100.000 opere e È una delle più importanti collezioni moderne e contemporanee al mondo.

Nel museo è possibile ammirare opere di artisti come Modigliani, Bacon, Matisse o Man Ray. Se la tua arte ti attrae, unisciti a noi, faremo un tour delle creazioni da non perdere.

I gioielli del Centro Pompidou

Il museo apre tutti i giorni dalle 11:00 alle 22:00, tranne il martedì, con una tariffa generale di 14 euro. Inoltre, la prima domenica di ogni mese viene offerto un tour guidato gratuito con capacità limitata alle 16:00. Le opere esposte coprono il ventesimo e il ventunesimo secolo, completando così le collezioni del Louvre e Orsay.

Doppio ritratto con bicchiere di vinodi Marc Chagall (1917)

Dettaglio di «Doppio ritratto con bicchiere di vino»

Il trionfo dell'amore e la gioia quasi onirica sono i sentimenti che questa tela colorata emanaBene, Chagall lo ha dipinto per commemorare il suo matrimonio con Bella Rosenfeld. In esso possiamo osservare un misto di sogno e realtà.

Nella commedia vediamo un ragazzo che bilancia le spalle della sposa.Entrambi i personaggi sorvolano la città di Vitebsk durante una festa e celebrando il loro matrimonio. Sopra di loro appare un angelo che rimanda alla figlia della coppia.

È un lavoro molto interessante vedere l'evoluzione nel pennello Chagall. Quando la sua amata muore, il suo entusiasmo e la sua vivacità tenderanno a temi più tragici, colori più cupi. Assicurati di contemplare questa e altre opere dell'artista al Centro Pompidou.

Il fonteMarcel Duchamp, una delle icone del Centro Pompidou (1917)

«La fontana» di Duchamp nel Pompidou / Centre Pompidou

Questa è un'occasione unica per conoscere uno dei pezzi che hanno cambiato l'arte per sempre e come percepirlo. Nel 1917 Duchamp presentò un orinatoio per una mostra nella sala degli artisti indipendenti di New York a cui apparteneva lui stesso.

La sua intenzione era quella di testare il principio fondamentale del gruppo: quello di non rifiutare alcuna opera d'arte. Questo orinatoio è presentato sottosopra, firmato da R. Mutt e sotto il titoloFontana.L'artista cerca di rompere con questo gesto radicale tutti i canoni stabiliti, ma il lavoro fu respinto e scomparso.

La controversia era già servita e ilreadymade Era appena nato. Oggi possiamo vedere nel Centro Pompidou una ristampa dell'originale prodotto nel 1964 sotto la supervisione di Duchamp. Una pietra miliare nella storia dell'arte che non è senza controversie sulla sua origine.

Arlecchinodi Pablo Picasso (1923)

Picasso's Harlequin - Kenneth Lu / Flick.com

Nel Centro Pompidou è conservata questa tela in cui Possiamo ammirare l'incredibile padronanza del pittore di Malaga per il disegno. La figura di Arlecchino è una costante nel lavoro di Picasso. In questo caso, il volto ritratto è quello del suo amico e artista Joachim Salvado.

Il personaggio incompiuto del dipinto lo ha fatto apposta, dandoci un esempio virtuoso che beve direttamente da Ingres o David.

Il violino di Ingresdi Man Ray, una delle bellissime fotografie del Centro Pompidou (1924)

"Il violino di Ingrés" di Man Ray

La collezione fotografica del museo è una delle più famose in tutta Europa. Questa è una creazione eccezionale di uno dei fondatori del dadaismo, Man Ray, che ha trascorso gran parte della sua carriera a Parigi.

fotografiaavanguardia era il terreno in cui si specializzava, dandoci qui con una meravigliosa schiena nuda dell'eterna musa Kiki de Montparnasse. Man Ray si ispira alla sensualità di Ingres e aggiungi due aperture di violino alla figura con inchiostro cinese, creando un'ottima composizione.

New York City (New York City I)di Piet Mondrian (1942)

New York City I di Mondrian / Centre Pompidou

Il pittore olandese d'avanguardia, fondatore del neoplasticismo, presenta una delle sue opere fondamentali. Le contrapposizioni di colore nelle strisce di carta sovrapposte formano una griglia che aiuta l'effetto ottico dinamico. È un lavoro vibrante che Trasmette l'impatto dell'illuminazione elettrica e il ritmo frenetico di New York.

Blu monocromaticodi Yves Klein (1960)

L'artista francese è una figura importante nel movimento neocristiano, che emerge come una reazione all'espressionismo astratto. Klein ha sviluppato centinaia di pezzi con questo blu come tema, un colore essenziale con cui il pittore ricorda la natura, il mare o il cielo. Durante la tua visita a Pompidou puoi immergerti in questa tela piena di sensibilità e significato.

Senza titolo (Nero, Rosso su nero su rosso)di Mark Rothko (1969)

«Untitled» di Mark Rothko / Centre Pompidou

Rothko è una figura primaria per l'espressionismo astratto, anche se ha rifiutato di essere in qualsiasi categoria. Le sue opere sono generalmente di grande formato, come in questo caso.

Approccio per approfondire il contrasto che l'artista crea tra materia, luce e colore. Rothko ha sempre cercato di dare un senso religioso ai suoi pezzi, desidera ardentemente che lo spettatore faccia un'esperienza mistica. I colori emergono l'uno sull'altro, passando attraverso una semplice composizione per esprimere idee più complesse.

Cogli l'occasione di perderti in questo meraviglioso tempio di arte moderna e contemporanea: Brancusi, Salvador Dalí, De Chirico, Warhol o Pollock sono solo alcuni dei protagonisti del Centro Pompidou. Un luogo in cui design, cinema, nuovi media e arti grafiche vanno di pari passo.

Video: 01 - RENZO PIANO - Artigianalità e tecnologia - Luca Molinari (Settembre 2019).