Gioielli del patrimonio mondiale di Lisbona

Il Portogallo è un paese di enorme ricchezza culturale e artistica. Può essere visto in piccole città e grandi città come Coimbra, Porto o la sua capitale. In quest'ultimo fermiamo i nostri passi. Incontreremo due posti meravigliosi, due tesori del patrimonio mondiale dell'umanità a Lisbona. Sei con noi

Lisbona, il gioiello del Portogallo

Vista di Lisbona

Lisbona è una delle capitali più belle del mondo. Alcuni dei suoi edifici sono stati riconosciuti dall'UNESCO per la loro enorme bellezza e valore architettonico e storico.

Ma non solo le sue costruzioni: i suoi quartieri, le sue piazze e la sua atmosfera la rendono una città molto speciale. La capitale portoghese è una di quelle città che si innamora. Lo fa quando si cammina attraverso i quartieri come l'Alfama, si contempla da uno dei suoi punti di vista o il basco ascolta fados nei suoi locali.

Il sito del patrimonio mondiale a Lisbona

Ci concentreremo su due meravigliose costruzioni da visitare senza scuse. Sono i tesori del patrimonio mondiale dell'umanità a Lisbona. Riesci a immaginare cosa siano?

La torre di Belém

Torre di Belém a Lisbona

Costruito nel XVI secolo sulle rive del Tago, la torre fu innalzata per difendersi dagli invasori. Tuttavia, durante la sua vita ha avuto diverse funzioni. Prigione, faro e persino quartier generale per riscuotere le tasse sono stati alcuni dei loro compiti.

Riferendosi all'arte manuelina, la Torre di Belém presenta dettagli arabi e orientali. La sua principale attrazione, oltre alla sua posizione sulle acque del fiume Tago, risiede nella sua splendida decorazione. Un consiglio: cerca la testa scolpita di un rinoceronte, ha una storia curiosa.

All'interno puoi visitare diverse sale, come la Governor's Hall, quella dei Re o il Pubblico. Tuttavia, c'è un posto molto speciale: la sua terrazza. Da esso puoi vedere magnifici panorami.

Il monastero di Jeronimos

Monastero di Jeronimos

Vicino alla Torre di Belém si trova il Monastero dos Jeronimos. In effetti, dalla terrazza abbiamo una magnifica vista del suo esterno. Anche un riferimento all'architettura manuelina, Fu costruito nel XVI secolo per ordine del re Manuele I del Portogallo.

Il motivo della sua costruzione era molto legato alla navigazione, così importante per il paese in quel momento. Il monastero è salito per celebrare l'arrivo di Vasco da Gama nel suo viaggio in India. Ed è stato costruito nello stesso posto che occupava un eremo in cui aveva pregato prima di partire per il viaggio.

La chiesa spicca in primo luogo. È possibile ammirare sei imponenti colonne che sembrano infinite. È una chiesa di una sola nave in cui è la tomba di Vasco de Gama.

C'è un altro posto molto importante: il chiostro. È splendidamente decorato con motivi tipicamente manuelini, come i mantelli da marinaio. Da esso è possibile accedere al coro della chiesa alta e al refettorio, decorati con piastrelle.

Una parte del monastero ospita il Museo Archeologico Nazionale. In essa puoi vedere una vasta collezione di arte egizia e romana, così come la più grande collezione di orafi del Portogallo.

Altri monumenti

Monumento alle scoperte - vichie81

A un passo da questi due tesori del patrimonio mondiale dell'umanità a Lisbona è possibile ammirare un altro monumento. Certo, molto più moderno. Il monumento alle scoperte fu costruito negli anni '60 del secolo scorso per commemorare il 500 ° anniversario della morte di Enrico il Navigatore.

Una costruzione alta 52 metri che rappresenta una caravella. Intorno possiamo contemplare le grandi figure della navigazione portoghese. E ai suoi piedi c'è un enorme mosaico che rappresenta la rosa dei venti. Per contemplarlo, niente come salire in cima al monumento.

E sebbene non sia un monumento in quanto tale, c'è un altro posto che vale la pena considerare la sua immagine. La foce del fiume Tago è uno spazio naturale favoloso che non possiamo perdere durante il nostro viaggio in Portogallo. Per ammirarlo, è meglio salire sulla terrazza della Torre di Belém, l'immagine è spettacolare.

Video: LE FALLE NEL SISTEMA - Alberto Micalizzi (Gennaio 2020).

Loading...