Montfalcó Murallat: un affascinante borgo medievale a Lleida

Montfalcó Murallat è un bellissimo borgo medievale murato, uno dei luoghi da visitare nella provincia catalana di Lleida. Più precisamente, si trova nel comune di Les Oluges, nella regione di La Segarra. Vuoi incontrarla? Lo scopriremo per te, quindi non esitare un secondo a visitarlo.

Una visita a Montfalcó Murallat, il borgo medievale

Per accedere all'interno di Montfalcó Murallat e deliziarci con il suo fascino, dobbiamo andare a due porte successive con archi a volta sulla sua facciata sud. Dopo averli attraversati, arriveremo direttamente nella piazza centrale, dove c'è un ristorante dove è possibile recuperare le forze dopo la visita.

Via Montfalcó Murallat - Joan González Gili / Flickr.com

Durante il tour Cammineremo attraverso vicoli stretti e attraverseremo sotto archi e gallerie porticate. Ma troveremo anche edifici di grande interesse, come una chiesa romanica. Dal tempio, che risale all'XI secolo e si trova sul lato del muro, spicca l'abside.

Un'altra notevole costruzione è il castello di Montfalcó. Sorse a metà dell'XI secolo in cima alla collina che domina la confluenza del torrente Vergós con il fiume Sió. Oggi è di proprietà privata e fa parte del patrimonio storico spagnolo.

E oltre a tutto questo, a Montfalcó Murallat ci sono diverse case interessanti, anche se molti mostrano segni di abbandono. E qui vivono solo due persone! Certo, ci sono diverse case rurali in cui soggiornare, poiché il villaggio medievale è diventato una destinazione rilevante nel turismo rurale.

D'altra parte, Raggiungere questa bellissima villa con il proprio veicolo è molto semplice. Segui la A2. Non importa se parti da Lleida, a 67 chilometri di distanza; o da Barcellona, ​​a un'ora e un quarto di distanza.

Storia e leggenda di Montfalcó Murallat

Recinzione murata - Angela LLop / Wikimedia Commons

Per conoscere i primi riferimenti a Montfalcó Murallat dobbiamo risalire all'XI secolo, Durante il regno del Conte di Berga, Bernat I. Fu a quel tempo che questa fascia di territorio fu ripopolata.

Dato che era una zona di confine con domini musulmani, è normale che la fortificazione fosse costruita sfruttando l'altezza della collina.

In una prima fase costruttiva, il recinto era formato da un nucleo murato con una torre circolare e una quadrata. Successivamente, furono incorporate una torre quadrata e una seconda parete sul lato sud.

La parte esterna più vicina era circondata da terreni agricoli. Erano terre destinate al giardino, per provviste di cibo e foraggio per nutrire gli animali.

Nel tardo Medioevo, nell'anno 1375, Montfalcó Murallat divenne parte della contea di Cardona. E nello stesso secolo il castello di Montfalcó acquistò un'importanza particolare nelle guerre combattute contro Pere de Castella.

La leggenda di Montfalcó Murallat

Galleria coperta - Ángela LLop / Wikimedia Commons

Questa villa ha una sua leggenda. Conto quellogli abitanti di Montfalcó Murallat subirono un assedio dopo aver perso una battaglia in campo aperto e essersi rifugiato all'interno della fortificazione.

Visto che non si sono arresi, gli assedianti decisero di provare una curiosa tattica che fece combattere gli assediati. Consisteva nel lanciare catapulte con messaggi che incoraggiavano le persone a ribellarsi contro i loro capi.

Quei messaggi sovversivi erano legati in pagnotte, così che gli assediati, in caso di fame, videro il cibo e si arresero. La sua risposta è stata quella di inviare messaggi stimolanti legati al pesce fresco. Gli assedianti alla fine si arresero e alzarono il recinto.

Cos'altro vedere a Les Oluges

Oltre al borgo medievale murato,Les Oluges ha altri luoghi di interesse. Puoi approfittare della visita per ammirare, ad esempio, diverse case signorili che si trovano nel centro del comune.

Ed è consigliabile visitare altri villaggi nella regione di La Segarra. Uno è Cervera, conosciuto da uno dei suoi vicini: il motociclista Marc Márquez. Ma questa città ha molti ciondoli, come la sua università, fondata nel 1717; la chiesa di Sant Miguel de Tudela; il campanile di Santa María o il Museo Regionale di Cervera.

Loading...