Chittagong in Bangladesh: visita l'inferno sulla terra

Chittagong è la seconda città più grande del Bangladesh e il più grande porto marittimo del paese. Inoltre, quest'ultimo aspetto ha a che fare con il fatto che il luogo è noto come "l'inferno sulla terra". Vuoi sapere esattamente perché? L'abbiamo scoperto, insieme ad altre informazioni di interesse per la città.

Perché Chittagong è conosciuto come l '"inferno sulla terra"?

Per prima cosa dobbiamo tornare agli anni '60, quando un monsone che colpì la costa del Bangladesh si incagliò sulla nave greca M D Alpine. La gente del posto lo smontò rapidamente e, oltre a recuperare tutti gli elementi utilizzabili, sigillò il destino di Chittagong e promosse un'attività discutibile.

Navi Scartate

Ed è che da quel giorno al porto di Chittagong le barche non hanno smesso di arrivare per ottenere la stessa fine della M D Alpine: essere disarmate e che i suoi elementi utilizzabili sono stati riciclati. pertanto,il posto è oggi un cimitero di navi spettrali in cui numerosi operai li raschiano pezzo per pezzo.

Concentrandosi sui lavoratori, si stima che Ci sono circa 150.000 operatori sulle spiagge della città. Eseguono il loro lavoro nelle peggiori condizioni possibili: a piedi nudi, usando la forza dei loro muscoli come strumento, soddisfacendo giorni che superano le dieci ore ... Pertanto, gli incidenti sono all'ordine del giorno.

A queste condizioni deplorevoli, dobbiamo aggiungere quanto possano essere dannosi i materiali che maneggiano. Ad esempio, respirano fibre di amianto non protette, che causano il cancro e le malattie respiratorie. Non c'è da stupirsi quindi L'aspettativa di vita dei lavoratori è di 40 anni.

Altri casi simili nel mondo

Rottamazione in Chittgong - Adam Cohn / Flickr.com

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, Chittagong non è un caso eccezionale da allora Altri paesi come il Pakistan, la Turchia o l'India hanno strutture che funzionano in modo simile. Le ragioni? Il lavoro è più economico e le normative sul lavoro sono più permissive rispetto ad altri paesi.

Le informazioni di cui sopra possono essere dimostrate con i dati. Ad esempio, nel 2010 451 navi furono disarmate in Bangladesh; in Turchia, 266; in Pakistan, 111; mentre in India, 110 e in Cina, 189.

Nello stesso anno, 15 navi furono demolite negli Stati Uniti e in Belgio, 12. Tuttavia, in entrambi i paesi il lavoro viene svolto con le necessarie protezioni ambientali e del lavoro.

Per entrare maggiormente nel contesto, è conveniente sapere che le navi transoceaniche hanno una vita utile compresa tra 25 e 30 anni.

Quando le barche non sono più redditizie vengono portate in un cantiere navale dove vengono vendute come acciaio per il riciclaggio.Quelli del primo mondo, che hanno regolamenti e condizioni di lavoro, offrono il loro servizio più costoso. Pertanto, le aziende scelgono le strutture dei paesi che abbiamo visto, a partire dal Bangladesh.

Chittagong, meta turistica?

Come puoi vedere, e sfortunatamente, che Chittagong è noto come "l'inferno sulla terra" non è un caso. Tuttavia, e sebbene sia strano, La città ha diverse attrazioni che non possiamo ignorare

Lago Kaptai - travelmag.com / Flickr.com

Uno degli incanti di Chittagong è il lago Kaptai. È un luogo molto visitato dal turismo, perché può essere percorso in gondola o yacht per godersi un ambiente e panorami spettacolari. È meglio fare una passeggiata al tramonto, quando il paesaggio è impreziosito ancora di più.

A Chittagong Anche la Moschea Shah Jane si distingue, dove interagisce con le culture buddiste presenti nell'area e che costituisce una delle icone architettoniche della città.

anche Vale la pena passeggiare nel vecchio quartiere portoghese di Paterghatta. E va ricordato che questa città ha raggiunto una certa importanza una volta con l'arrivo dei portoghesi.

Per quanto riguarda l'ambiente circostante, Chittagong si trova vicino alla più grande spiaggia naturale del mondo: Cox's Bazar, di non meno di 120 chilometri di lunghezza! Certo, per fare un bagno in esso devi stare attento a causa della possibile presenza di squali.