Porta di Brandeburgo: fatti interessanti

Vi parleremo di alcuni aspetti che dovreste conoscere sul grande simbolo di Berlino. Spieghiamo come raggiungere la Porta di Brandeburgo, un po 'della sua storia e anche alcuni fatti curiosi. Quindi, quando lo hai di fronte, puoi godertelo al massimo.

Dov'è la Porta di Brandeburgo

Non potrebbe essere diversamente, il monumento si trova nel cuore di Berlino. Si trova nella piazza di Parigi, a un passo dal Reichstag.

Arrivare è semplice come prendere la metropolitana o il treno e scendere alla stazione che prende il nome dal monumentoo prendi la linea 100 dell'autobus. Un altro modo per arrivarci è fare una passeggiata sul famoso viale Unter den Linden o attraversare il Tiergarten, a seconda della parte della città da cui si parte.

La Porta di Brandeburgo: simbolo della città

Porta di Brandeburgo

Nel caso sia la prima volta che visiti Berlino, molto probabilmente finirai le parole. Molta bellezza in un monumento che colpisce già in televisione o al cinema. Ma davvero nulla ha a che fare con la grande sensazione di vederlo dal vivo e diretto.

Qualcosa da tenere a mente è che non parliamo solo di un'opera architettonica. Questo monumento Ha assistito a un momento complicato nella storia dell'Europa. Alcuni decenni di molti cambiamenti politici, guerre, lotte, ricongiungimenti, ecc.

La porta era l'ingresso della città. Una favolosa costruzione costruita dal desiderio di re Federico Guglielmo II alla fine del XVIII secolo.

La quadriga

Quadriga della Porta di Brandeburgo

Incorona il monumento dal 1795. Rappresenta la dea della Vittoria, sebbene ciò che si può vedere oggi sia una riproduzione. L'originale fu gravemente danneggiato durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Un insieme scultoreo che non è sempre stato lì, da allora Napoleone la trasferì a Parigi come trofeo più delle sue vittorie prima dell'esercito prussiano. Dopo la caduta dell'Impero napoleonico, tornò a Berlino.

Aneddoti della Porta di Brandeburgo

Porta di Brandeburgo

Uno degli aneddoti più conosciuti è quello dei tempi della monarchia prussiana nessuno poteva attraversare questa porta attraverso il suo arco centrale, tranne la famiglia reale. Dopo la prima guerra mondiale smise di essere solo un passo per i re.

D'altra parte, come avevamo anticipato, nella seconda guerra mondiale, la Porta di Brandeburgo subì numerosi attacchi. Sebbene gravemente danneggiato, Era quasi l'unico monumento in piedi nella piazza di Parigi quando il conflitto armato finì.

Non appena fu ricostruito dai paesi alleati si decise di smontare la croce di ferro e l'aquila dalla quadriga. Decisione che è stata presa considerando che si trattava di una simbologia appartenente all'esercito tedesco. Poco dopo la caduta del muro di Berlino, si trasferirono.

La porta era a est

Non molto tempo dopo fu costruito il muro di Berlino. La porta si trovava nella parte orientale della città, cioè all'interno della zona comunista. La conseguenza fu che il monumento doveva essere visto come un simbolo della separazione del paese.

Tutto è cambiato dopo la caduta del muro. La porta divenne esattamente l'opposto. Oggi è un simbolo di quella riunificazione della Germania così tanto atteso e ciò che il paese è attualmente.

Oltre la Porta di Brandeburgo

Reichstag

Una volta che ti è piaciuto questo monumento, devi continuare a conoscere la storia della città facendo un giro nei dintorni. Lo abbiamo anticipato il Reichstag è molto vicino. Assicurati di visitare la sua cupola di vetro, è spettacolare.

e nelle vicinanze c'è anche il monumento dell'Olocausto. Più di 2.700 blocchi di cemento di diversa altezza ricordano tutte le vittime del regime nazista. Inoltre, in una delle sale del suo centro informazioni puoi imparare tutto su uno degli episodi più oscuri della storia europea.

Come vedi la visita alla porta di Brandeburgo e nei dintorni ti permette di fare un viaggio attraverso la storia della Berlino degli ultimi due secoli, con le sue luci e le sue ombre. Non devi perderlo.

Video: Porta Di Brandeburgo Presentazione Berlino Audioguida MyWoWo Travel App (Novembre 2019).

Loading...