10 opere di Donatello che vale la pena conoscere

Nel mondo dell'arte, La scultura è una delle discipline più ammirate di tutti i tempi. Indubbiamente, il lavoro dei virtuosi della roccia ha ottenuto che, non solo all'epoca, ma molto più tardi, i curiosi sono incoraggiati a visitare i musei solo per ammirare il loro lavoro. Donatello è una di quelle figure che ha catturato l'attenzione di milioni di persone.

Quali sono le opere di Donatello e dove sono?

Donato di Niccolò di Betto Bardi nacque a Firenze, in Italia, nell'anno 1386. Meglio conosciuto come Donatello, Fu uno dei principali artisti del primo Rinascimento nel suo paese. Ha lavorato con vari materiali ed è stato ispirato, soprattutto, nell'antichità classica per le sue opere.

La sua mano ha realizzato meravigliose sculture di grandi dimensioni. Quindi acquisì lo status di "Padre" del Rinascimento. Tra i suoi lavori, ce ne sono alcuni che si distinguono non solo per il loro schieramento tecnico ma per la loro affascinante storia. Quindi ve ne parleremo un po '.

1. Piccolo profeta

È una scultura in marmo bianco nel 1407 e, pur non avendo dimensioni monumentali, è una vera meraviglia. Ha un'altezza totale di 128 centimetri ed è considerata una delle sue prime opere. Non è fuori dalla cattedrale, ma al Museo dell'Opera del Duomo.

Come fatto curioso, va ricordato che quest'opera è accoppiata con un altro «piccolo profeta» situato alle porte della Mandorla della Basilica di Santa Maria del Fiore (Firenze).

2. San Giovanni Evangelista

La scultura di questo santo è stata scolpita anche in marmo per l'antica facciata del Duomo di Firenze e, al momento, è una delle opere di Donatello che può essere ammirata nel Museo dell'Opera. Risale al 1409 (fu terminato 2 anni dopo) e Ha ispirato Michelangelo per il suo Mosè. Lo stile utilizzato in questa scultura è tipico del manierismo tardogotico.

3. David in marmo

Fu realizzato nell'anno 1408 e mostra questo personaggio biblico nel preciso istante in cui ha appena sconfitto il gigante Golia, poiché la sua testa è ai suoi piedi e ha ancora una pietra nel mezzo della fronte. Le braccia di questo David sono un po 'più lunghe del normale, ma il resto dei dettagli gli conferisce un'aria armoniosa che non raggiunge. Si trova nel Museo Nazionale del Bargello a Firenze.

4. San Giovanni Battista in legno

Donatello fece questa scultura nel 1438 per l'omonima cappella della Basilica di Santa Maria dei Frai a Venezia. Oltre ad essere molto diverso dalle altre opere di Donatello, era strano che una sua opera fosse a Venezia, quindi nel corso della storia la sua paternità è stata messa in discussione. Qualcosa che, tuttavia, sembra essere stato confermato negli ultimi decenni.

5. San Marcos

La scultura di San Marco è una delle 14 statue sui protettori delle Arti di Firenze che furono collocati fuori dalla chiesa di Orsanmichele in città. Fu scolpito tra il 1411 e il 1413 e misura 248 centimetri di altezza. L'originale è conservato all'interno dell'edificio (l'esterno è una copia). Con la testa barbuta, il vestito annodato in vita e l'espressione seria, Marcos appare come un antico filosofo.

6. Tomba del cardinale Rainaldo Brancacci

Questa tomba è un'altra delle opere di Donatello che non si trova a Firenze ma nella chiesa di Sant'Angelo a Nilo a Napoli (Italia). Il lavoro fu svolto in collaborazione con l'artista Michelozzo tra il 1426 e il 1428, ed è uno dei più importanti del Rinascimento di quella città. Marmo e policromo, la tomba è custodita da bellissime cariatidi.

7. putti portacandele

Né è opera di Donatello a Firenze, dal momento che si trova nel Museo Jacquemente-André di Parigi. Queste sono due sculture in bronzo realizzate tra il 1434 e il 1439. Sono due angeli coro commissionati per la cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze.

8. Amore ATIS

Questa scultura in bronzo tra il 1440 e il 1443 si trova nel Museo del Bargello a Firenze, come altre opere dell'artista. Una scultura di colore scuro con dettagli dorati su ali, cintura e scarpe. Raffigura un ragazzo dall'aspetto angelico che danza con le braccia in aria.

9. Giuditta e Oloferne

La scultura di Giuditta e Oloferne è una delle opere più viste di Donatello. Ed è quello è un'opera in bronzo che si erge davanti alla facciata di Palazzo Vecchio a Firenze, uno dei monumenti più visitati e fotografati del capoluogo toscano.

E interessante notare che quando lo fece tra il 1453 e il 1457 non era destinato a questa posizione ma per finire una fontana. Certo, nella stessa piazza della Signoria.

10. Condottiero Gattamelata

Concludiamo questo tour attraverso le opere di Donatello con questa grande scultura che si trova nella piazza della Basilica di San Antonio de Padova. Un monumento che È diventata una delle sculture equestri più emblematiche del mondo e un modello che è stato ripetuto in molte altre sculture di generali, re o imperatori.

Queste sono le 10 opere di Donatello che dovresti vedere di persona, almeno una volta nella vita. Ricorda che conoscere le opere di questo grande artista, sparse in vari luoghi in Italia, è un'ottima scusa per fare un viaggio nel paese transalpino.

Video: Donatello: vita e opere in 10 punti (Aprile 2020).

Loading...