L'eredità di Giorgio Vasari, pittore, architetto e storico

Giorgio Vasari fu uno dei primi storici dell'arte e il padre del termine rinascimentale. Nacque nel 1511 ad Arezzo, in Italia, ed era un importante architetto, pittore e scrittore. Un letterato con una grande eredità alle spalle che possiamo vedere nei libri e in molti angoli d'Italia. Vuoi saperne di più su di lui? Seguici!

Biografia di Giorgio Vasari

La vita artistica per Giorgio Vasari iniziò in tenera età, quando iniziò a dipingere con Guglielmo da Marsiglia, un pittore di vetrate. Appartiene a una famiglia di artisti tra cui spicca Luca Signorelli, un pittore del Quattrocento, prima dell'inizio del Rinascimento.

Olio «Sei poeti toscani» - Wikimedia Commons

Con solo 16 anni è andato a studiare nella città di Firenze. Lì ha potuto studiare con artisti come Baccio Bandinelli o Michelangelo ed è stato influenzato dai suoi stili pittorici. A poco a poco, ha acquisito esperienza a Firenze, Roma, Napoli, Pisa o Bologna.

Nel tempo si è consacrato come artista e sta guadagnando una reputazione nella società. Ha lavorato principalmente come pittore, ma anche come architetto. Tuttavia, nella sua ultima fase della vita si è concentrato maggiormente sullo studio dell'arte, da cui il suo riconoscimento come storico.

Dopo la sua morte nel 1574, i suoi contributi artistici ricevettero tutti i riconoscimenti possibili. La società ha realizzato l'arte che scorreva nelle vene del Vasari, appassionato di lettere, pittura e architettura.

Le opere di Giorgio Vasari

Scrittura

L'autore ha pubblicato nel 1550 un'edizione dell'operaVive dei più eccellenti architetti, pittori e scultori italianiIn esso fa una presentazione degli artisti più importanti del momento, con spiegazioni sull'arte e aneddoti che lui stesso ha vissuto con gli artisti. Fu un tale successo che nel 1568 fu pubblicata una seconda edizione estesa.

La tesi sostenuta da questo autore è che il XVI secolo è un periodo di picco artistico ed elevazione dell'arte come perfezione. Questo lavoro è dove viene coniato il termine Rinascimento. E critica anche il Medioevo e lo descrive come un periodo di declino artistico.

Pittura

«La Sacra Famiglia» - Wikimedia Commons

Durante l'apprendistato vasariano è stato in grado di stabilire un contatto con molti pittori da cui ha raccolto influenze. Le sue opere pittoriche erano destinate al patrimonio di Firenze, come gli affreschi di Palazzo Vecchio o della cattedrale, solo che non li finì mai.

Gli affreschi di Palazzo Vecchio sono i più importanti. Rappresentano i momenti più importanti della vita di Cosme I, granduca di Toscana. Tuttavia, c'è una controversia su questi dipinti.

C'è una teoria secondo cui Leonardo da Vinci aveva dipinto alcuni affreschi su queste pareti prima del Vasari. E che, probabilmente, gli affreschi del Vasari sono dipinti sopra quelli di Da Vinci. Una dimostrazione di questa teoria sarebbe in un'espressione italiana che appare negli affreschi e significa "cerca e troverai". Tuttavia, i resti di Da Vinci non sono stati trovati.

Architettura

Palazzo Ufizzi - Arek N. / Wikimedia Commons

Il principale contributo architettonico del Vasari fu la costruzione del Palazzo degli Uffizi a Firenze. Attualmente è una delle principali attrazioni turistiche della città. Ogni anno riceve milioni di visite da turisti provenienti da tutto il mondo, in parte perché i suoi interni conservano una delle più grandi collezioni d'arte del mondo.

Questo edificio Vasari, Iniziò a essere costruito nel 1560 e i lavori furono completati nel 1581. Lo stile è classico, simmetrico e di grande eleganza.

Tuttavia, costruì anche il Corridoio Vasariano, un passaggio che collega il palazzo degli Uffizi con il palazzo Pitti dal ponte Vecchio.

L'eredità del Vasari

Corridoio Vasariano - Luca Aless / Wikimedia Commons

Vasari non può essere considerato uno dei principali autori del Rinascimento, ma era un uomo che brillava in molte cose. I suoi contributi come teorico hanno avuto un impatto speciale sulla società, al punto da superare tutto il suo retaggio artistico.

C'è chi ritiene che Giorgio Vasari sia sempre stato una persona in anticipo sui tempi. Ha avuto la capacità di interpretare l'arte come nessun altro e ha dato importanti contributi sulla storia. Pertanto, parlare di storia dell'arte significa menzionare questo autore.

"Finché l'arte vive, non dovrò mai accettare che l'uomo sia morto."

-Giorgio Vasari-

Ti consigliamo di visitare la città di Firenze, e in particolare il Palazzo degli Uffizi, per godere appieno di una delle opere di Vasari. Ma soprattutto, non c'è niente come immaginare come sarebbe la vita di questi artisti del Rinascimento durante il XVI secolo. Come sarebbe Firenze allora? E roma? O in italia? Affascinante!

Loading...