Trogir in Croazia, la Venezia dell'Adriatico

La città di Trogir, sulla costa dalmata della Croazia, è uno di quei piccoli tesori offerti dalla costa adriatica. Una città in cui sembra che il tempo si sia fermato a stupire i viaggiatori che vengono qui, che spesso ignorano ciò che stanno per trovare e si arrendono al fascino di questa popolazione.

Trogir ottimamente preparato per riceverti

L'attività principale di coloro che arrivano a Trogir è di camminare nel modo più pacifico attraverso le strade acciottolate della città, sempre circondate da case di facciate ottimamente conservate. Prima o poi quella passeggiata conduce al lungomare per contemplare l'intero recinto murato, le sue torri, le navi ancorate e intorno alle isole come Ciovo. Non dimenticare che in realtà, Trogir è anche un'isola, sebbene collegata al continente da un ponte.

Porto di Trogir - Inu

Sia nel labirinto delle strade medievali che sul lungomare devi trovare un ristorante per gustare la tradizionale cucina di pesce. È meglio se stai cercando uno che metta "konoba" (taverna, in croato) perché i loro piatti a base di branzino, cozze o calamari, specialità da non perdere in questo viaggio saranno più autentici.

La cattedrale, il monumento principale di Trogir

La cattedrale di San Lorenzo (Sv. Lovro) è il grande monumento all'interno della città monumentale. Il tempio risale tra il XIII e il XV secolo, sebbene prima esistessero altri recinti religiosi. Trogir era una fondazione dell'Impero romano, anche se molte vestigia di quel tempo non sono state trovate, come avviene in altri luoghi della costa dalmata, in particolare nella vicina città di Spalato.

Cattedrale di Trogir - Monticello

Ma tornando a Trogir e alla sua cattedrale, vale la pena entrare e vedere le sue cappelle piene di oggetti artistici. Tuttavia, chi non entra almeno deve contemplare la sua facciata in pietra bianca, dove sono scolpiti numerosi episodi biblici, e in particolare i primi due nudi della scultura croata, che rappresentano Adamo ed Eva.

Trogir, patrimonio mondiale

L'Unesco ha deciso di includere l'intero centro storico di Trogir nella sua lista di Patrimonio conservando edifici come questa cattedrale di San Lorenzo e altri che si trovano nella stessa piazza, poiché lì si alza un elegante municipio del XV secolo e, soprattutto, l'ariosa Torre dell'Orologio, cresciuto in una galleria che un tempo fungeva da aula di tribunale e anche da prigione.

Trogir Square - xbrchx

Oggi quello spazio ha un uso molto più divertente, da allora con un po 'di fortuna puoi goderti un concerto lì o una commedia.

Qualcosa di simile a ciò che accade nella zona di Mura e torri del forte di Kamerlengo, un recinto medievale che oggi è utilizzato come un grande cinema all'aperto.

Forte di Kamerlengo - OPIS Zagabria

Oltre a ciò, Si consiglia inoltre di visitare altri luoghi storici come la chiesa di San Juan Battista, che è un buon esempio di arte romanica in Croazia. Oppure vale la pena visitare anche il convento benedettino di San Nicola, straordinariamente vecchio, dato che ebbe origine nel lontano undicesimo secolo.

«Una volta che viaggi, il viaggio non finisce mai. La mente non può mai lasciarsi andare al viaggio. »

-Pat Conroy-

Trogir, perché la Venezia dell'Adriatico?

Camminare attraverso il nucleo della popolazione è come camminare attraverso un bellissimo labirinto dove siamo assaliti da sorprese sotto forma di splendidi edifici religiosi, e anche sontuosi, come nel caso del palazzo di Lucic o Cipiko.

Trogir - maya333

In questo palazzo di Cipiko possiamo dare la risposta a questa domanda, poiché si osserva un balcone, che a chiunque abbia viaggiato a Venezia, ti ricorderà immediatamente la città dei canali.

E quando si confronta Trogir con la città italiana, non è dovuto alla presenza di canali, come quando si parla di Bruges o Amsterdam. Qui le somiglianze con Venezia si vedono nell'architettura locale, poiché per secoli qui governarono i veneziani.

Loading...