Cáceres in Extremadura: bellissimo sito patrimonio dell'umanità

Il comune più grande e popolato dell'intera provincia ti sorprenderà ad ogni passo che fai. Il centro storico di Cáceres è un fedele esponente di ciò che un vero patrimonio mondiale ha da offrire. È uno degli ensemble medievali e rinascimentali più completi al mondo! Con una presentazione del genere non c'è dubbio che dovresti preparare i bagagli per viaggiare lì.

Cáceres, la città dai mille nomi e scudi

Torre del Bujaco - Jose Ignacio Soto

Non si sa con certezza quale sia l'origine della parola "Cáceres". Gli storici stanno ancora cercando il vestigio che dice loro perché questo nome è dovuto. Alcune delle opzioni più popolari sono "Cazires" (dall'arabo), "Cancies" (da Padre Flores de los Anales Toledo), "Cazzeris" (come appare nel 1184) e "Cancers" (presenti nei documenti dei Cavalieri di Santiago de Compostela).

E non è solo la città dai mille nomi, ma anche dai mille scudi. Questo perché ogni famiglia aveva uno stemma per adornare le facciate dei propri palazzi. Oggi puoi vederne molti nella città monumentale.

Visitare la città medievale di Cáceres

Non è necessario disporre di una mappa per visitare i punti salienti di questa bellissima zona della città. Inizieremo la passeggiata attraverso la splendida Plaza Mayor, un luogo di incontro per residenti e turisti. Puoi mangiare qualcosa nei ristoranti vicini, avrai bisogno di energia e cibo nello stomaco per tutto ciò che scoprirai in seguito.

Plaza Mayor - LianeM

Di fronte alla piazza si trova il municipio in un edificio del XIX secolo e in stile classicista. Se guardi il cielo La grande torre di Bujaco, che fu costruita nel 12 ° secolo dagli Almohadi, attirerà la tua attenzione. Salendo in cima si può godere di splendide viste panoramiche su Cáceres.

A pochi metri da lì si trova l'Eremo della Pace (costruito nel 18 ° secolo) e l'Arco di Estrella, stile barocco. Devi attraversarlo per accedere al recinto murato e alla storica Plaza de Santa María.

Palazzo dei Golfines de Abajo - Jose Ignacio Soto

Nel centro storico ti divertirai godendo meravigliosi edifici: la chiesa concattedrale di Santa María, la casa di Hernando de Ovando e i palazzi Carvajal, Episcopal, Diputación Nazionale e Mayoralgo. Sulla copertina di quest'ultimo troverai una descrizione fatta in latino che recita "Sii tu, signore, per noi, torre di forza e sarà rinnovata, come quella dell'aquila, la nostra giovinezza".

Continuando verso St. George's Square passerai accanto al Palazzo dei Golfines de Abajo, senza dubbio il più emblematico dalla monumentale città di Cáceres. Puoi anche visitare due edifici in stile barocco: la chiesa di San Francisco Javier e il convento della Compagnia di Gesù.

Chiesa di San Francisco Javier - Jose Ignacio Soto

Salire il pendio della Compagnia fino alla parte più alta della città, dove si trova la chiesa di San Mateo, costruita tra le rovine di una moschea araba. Molto vicino si trovano il convento di San Pablo e il Palazzo delle Cicogne, la cui torre poteva mantenere gli spalti dopo l'ordine della regina Isabella il Cattolico di rimuoverli da tutte le alte costruzioni.

«E così passano le ore,
passo dopo passo
ai piedi delle torri,
dove sorgono, sentinelle di sonnolenza,
le cicogne
di Cáceres. »

-Fragment di Cáceresdi Miguel de Unamuno-

Vuoi ancora più corsa? Certo! Vai nella piazza di Las Veletas dove troverai il palazzo che conserva una bellissima cisterna araba dell'XI secolo. È uno dei meglio conservati in tutto il paese e, soprattutto, serve ancora a raccogliere l'acqua piovana dal patio situato sul retro dell'edificio.

Cisterna araba - Pecold

In Plaza de San Mateo prosegui lungo Calle de los Condes per passare attraverso il palazzo Sande e, a pochi passi di distanza, il Palazzo dei Golfines de Arriba, che conserva 3 torri dell'originale 5. Scendendo dal pendio di Aldana vedrai una casa mudéjar del 14 ° secolo, l'unico sopravvissuto al tempo in cui le case che non appartenevano alla nobiltà furono sostituite da palazzi o palazzi.

Rimane poco per finire il tour, solo uno sforzo in più. Sulla strada Monja è la casa dei Solis del XV secolo, con una bella torre, e la casa dell'Espadero-Pizarro (popolarmente conosciuta come la casa della Scimmia perché nel cortile c'è una figura di questo animale scolpita sulle scale).

Questa è solo una parte di Cáceres, la più bella per gli amanti della storia e dell'architettura.. Da non perdere