6 segreti di Roma che solo i suoi abitanti conoscono

Roma è infinita. Se lo hai visitato, lo sai già, c'è sempre qualcosa di nuovo da vedere. Tutte le volte che lo visitiamo, in ogni occasione vengono scoperti nuovi angoli pieni di bellezza, storia e leggenda. I tre aggettivi che descrivono Roma.

Proponiamo diversi luoghi "segreti" della Città Eterna che compaiono solo nelle guide più ampie, quelli che sono scomodi nella valigia. Sei luoghi non ben noti, ma di enorme attrazione.

In effetti Ognuno di loro, se fosse in un'altra città del mondo, sarebbe la loro principale attrazione turistica. Invece, a Roma possono passare inosservati.

Due imponenti chiese di Roma

San Luigi dei Francesi

Chiesa di San Luis de los Franceses - maros / commons.wikimedia.org

Si trova in uno dei cuori turistici di Roma, tra Piazza Navona e il Pantheon di Agrippa. Visitarlo è una delizia per gli amanti dell'arte, che in molte occasioni non possono assaporare con tranquillità l'enorme patrimonio romano.

Invece, qui puoi contemplare senza sforzo tre capolavori di Caravaggio. Tre tele che presentano tre passaggi della vita di San Mateo con i soliti chiaroscuri di questo genio del barocco. sono La vocazione, ispirazione e martirio.

Chiesa di San Luigi dei Francesi - Holly Hayes / Flickr

San Pedro in Vincoli

Il tempio stesso ha già il suo valore, essendo una basilica paleocristiana costruita nel V secolo per mantenere le catene con le quali afferrò San Pedro.

ma se entri, troverai una delle sculture più famose della storia, eppure la stragrande maggioranza dei viaggiatori non vede di persona. È il Mosé di Michelangelo. Sì, quel marmo a cui l'artista stesso ha colpito un martello per chiedergli di parlare.

Moises di Michelangelo - LoggaWiggler / Pixabai.com

Statue che parlano a Roma

Lo sanno tutti Mosé Non parlava. Ma dentro Roma ci sono sculture parlanti. In effetti, nei percorsi attraverso la Roma segreta esiste un percorso chiamato "Statue che parlano".

Il più famoso è il "Pasquino", tra Corso Vittorio e Piazza Navona. Ma c'è di più: il "Babbuino", molto vicino a Piazza del Popolo; Madame Lucrezia, vicina alla Basilica di San Marco; o il "Facchino", in Via del Corso.

Statua del babbuino - vvoe

Visitali e attendi che ti diano qualcosa. Ti deludono e rimangono in silenzio, ma vale la pena il percorso che li unisce È un itinerario attraverso una delle zone più monumentali di Roma.

«Roma è come un libro di favole, su ogni pagina trovi un prodigio».

-Hans Christian Andersen-

Via Appia Antica

In origine Fu la prima strada della Repubblica di Roma e collegò la capitale con Brindisi, a sud della penisola.

Via Appia Antica a Roma - LisArt / Flickr.com

il La Via Appia Antica aveva più di 500 chilometri, ma qui siamo interessati solo a quelli più vicini alla capitale. Per scoprirli è meglio avvicinarsi alle Terme di Caracalla, proprio lì inizia la Via Appia Antica.

Oltre al suo valore storico, scoprirai un'oasi di pace e vegetazione in città. Un luogo ideale per scoprire passeggiate o pedalate mentre sono apprezzati numerosi resti archeologici e grandi ville.

Il quartiere di San Lorenzo

Tuttavia, non tutto a Roma deve essere arte e storia. Se cerchi un po 'divertente a prezzi convenienti devi andare nel quartiere di San Lorenzo. La tasca ti ringrazierà confrontando quelli qui con altri caffè e bar più famosi della città.

Piazza San Lorenzo, Roma - Jerome Naselli / Flickr.com

In effetti È il quartiere più alternativo della capitale. Gli studenti abbondano, sia italiani che stranieri, il che dà già un'idea dei loro prezzi. È un buon posto dove andare per un drink e portarli sia su terrazze e bar che sulla stessa strada, specialmente mentre la notte avanza.

Il mercato di Porta Portese

E più posti economici. Questo mercato è una specie di sentiero che può occupare una soleggiata domenica mattina.

Se stai cercando un souvenir molto particolare, è il posto ideale per trovarlo. Cose vecchie, curiose e un po 'di tutto. In effetti, qui i principali clienti non sono turisti, ma i romani, grandi esperti di contrattazione.

Il santuario dei gatti

A Roma ci sono centinaia di migliaia di gatti randagi. Ogni gatto cerca la vita come può, e quasi in qualsiasi campo, strada o monumento li scoprirai nascosti.

Largo di Torre Argentina -Nicolás Lope de Barrios / FLickr.com

Un posto dove si accumulano è nella Torre Argentina, sul viale omonimo. In realtà è uno scavo che i gatti hanno occupato in quantità considerevoli, tra l'altro perché i vicini si preoccupavano di dar loro da mangiare.

Quindi, con il passare del tempo, qui è stato costruito un rifugio per gattini frequentato da volontari, che merita una visita perché ci parla di solidarietà, convivenza e buone vibrazioni.

Se viaggi a Roma, conosci già alcuni dei suoi segreti. Luoghi meravigliosi che i turisti spesso trascurano, per mancanza di tempo o, quasi sempre, per ignoranza.

Video: Miraculous - Le storie di Ladybug e Chat Noir - Identità a rischio - Dall'episodio 7 (Ottobre 2019).